A Frassineto l’ultimo saluto ad Angelo Muzio

19-11-2015 casale monferrato premi san vas 2015 angelo muzio

FRASSINETO – Una notizia che si è trasformata velocemente in un uragano, lasciando sgomenti tutti i cittadini frassinetesi. Tra le 9.15 e le 9.30 di martedì 17 gennaio, il sindaco Angelo Muzio è morto, a 57 anni, a seguito di arresto cardiocircolatorio. Un infarto, o un ictus, in pochi minuti si è portato via la vita dell’ex onorevole e senatore mentre si trovava tra le braccia della compagna di vita Monica Padoan. È morto a casa sua, nel suo amato paese, in quella comunità che l’ha visto nascere il 3 maggio 1959. Parenti, amici, compagni e oppositori politici sono rimasti sbigottiti ed increduli.
Si è svegliato martedì mattina, intorno alle 7, come era solito fare quando non era a Roma o a Strasburgo dove ricopriva l’incarico di membro del Consiglio dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa. Si è preparato, si è vestito, ha svegliato Monica. Martedì è toccato a lei uscire a dar da mangiare i suoi tanti animali, di cui si era circondato nella sua bellissima abitazione rurale alle porte del paese. Era meglio che non prendesse freddo visto che pochi giorni fa aveva avuto un po’ d’influenza e mal di gola. Poi il primo malore. E’ diventato rosso in volto. Monica ha subito capito la gravità di quanto stava accadendo. Ha chiamato il 118, l’ambulanza medicalizzata è arrivata subito e, nel frattempo ha seguito le direttive del centralino del servizio d’emergenza su come effettuare il massaggio cardiaco. Ma né i tentativi della sua amata Monica, né quelli dei sanitari del 118 sono stati sufficienti a riportarlo in vita. Disperata ha chiamato le amiche. La notizia ha fatto subito il giro del paese e della provincia. Sul posto si sono precipitati il sindaco Palazzetti, l’ex presidente della Provincia Paolo Filippi e poi l’attuale residente di Palazzo Ghilini, Rita Rossa. Sul posto anche i Carabinieri che, durante la giornata, hanno anche presidiato l’abitazione, meta di tantissime visite. Martedì mattina si sarebbe dovuto recare in ufficio per incontrare il suo staff, e invece i suoi collaboratori e gli impiegati comunali sono stati raggiunti dalla tremenda notizia: il Sindaco è morto.
Dario Calemme

FacebookTwitterGoogle+Condividi