19894565_1717800088233511_4281377911273063466_n

Davide Denegri «Vice-Faraone»: Argento Mondiale Under 19

CASALE – L’avventura di Davide Denegri per i Mondiali U19 a Il Cairo è iniziata il 29 giugno, quando è partito alla volta di Roma per il raduno con la Nazionale di coach Andrea Capobianco. Il giorno successivo, poi, l’ufficialità di essere tra i 12 giocatori in partenza per Il Cairo. Gli Azzurri, inseriti nel gruppo D insieme ad Angola, Iran e Stati Uniti hanno chiuso il girone di qualificazione al secondo posto, uscendo sconfitti solo contro il Team Usa (65-98, Denegri 14 punti e 6 rimbalzi). “Contro gli Stati Uniti abbiamo fatto una buona partita di squadra per 20 minuti – racconta Davide Denegri -, e anche io stesso ho giocato bene in quel periodo di tempo. Sicuramente è stata un’emozione affrontare gli Usa perchè comunque erano i più quotati, alcuni di quei giocatori arriveranno in alto e coach Calipari è molto conosciuto come allenatore”. Negli Ottavi di Finale i ragazzi di coach Capobianco si sono opposti al Giappone e con la vittoria a fil di sirena per 55-57 si sono aggiudicati il pass per i Quarti di Finale nei quali, trascinata dai 18 punti (4/7 dalla lunga distanza) di Davide Denegri, l’Italia ha sconfitto la Lituania 68-73. “Arrivavamo da un ottavo di finale vinto ma sofferto contro il Giappone – spiega Denegri -. La Lituania era davvero forte, probabilmente la migliore a livello europeo. Noi però siamo riusciti a giocare un’ottima partita dal primo all’ultimo minuto e credo di poter dire che sia stata la nostra miglior partita. Eravamo già tra le prime 4 squadre del Mondo, ma volevamo continuare il nostro percorso e quindi, al suono della sirena, è scoppiata la festa”. Gli Azzurri sono così arrivati in Semifinale dove hanno trovato la Spagna: ancora una volta è stato fondamentale l’apporto di Davide Denegri (14 punti) per portare i suoi in Finale. L’Italia ha infatti ottenuto la vittoria 63-66 contro la formazione iberica e di conseguenza il diritto a giocarsi la Finale. Una Finale del Mondiale storica, contro il Canada, da cui i ragazzi di coach Capobianco sono usciti sconfitti 79-60 ma a testa alta e con grande onore, tornando a casa con una meritata medaglia d’argento, ma anche con un’esperienza alle spalle che gli ha permesso di crescere ancora di più come giocatori e come persone. “Essere vice-campioni del Mondo è una sensazione bellissima e che ancora ora fatico a realizzare”.

“L’ottimo risultato che la Nazionale U19 ha ottenuto ai Campionati del Mondo ci rende tutti felici ed orgogliosi – ha detto il presidente Giancarlo Cerutti – questa medaglia d’argento premia il lavoro fatto a tutti i livelli, quello dell’amalgama della Nazionale ottimamente guidata da Coach Capobianco e quello dei Club che hanno formato i giocatori. Sono poi particolarmente felice che a questo risultato abbia contribuito in modo determinante il nostro ragazzo Davide Denegri che, sviluppatosi cestisticamente nel nostro Settore Giovanile, è cresciuto molto in questa ultima annata grazie al suo impegno personale, alla serietà con la quale lo ha affrontato e alla cura ed al lavoro che Coach Marco Ramondino ed il suo Staff hanno specificatamente fatto per lui. Ho parlato al telefono con il Presidente Petrucci e con Denegri stesso dopo la bella vittoria con la Spagna – continua Cerutti – felicitandomi per il livello di risultati raggiunti. Dopo la Finale persa con il Canada ho poi detto a Denegri che partecipavamo tutti alla sua gioia e ho colto nelle sue espressioni il senso di questo traguardo da lui raggiunto. L’esempio di Denegri può essere raggiunto da altri ragazzi del nostro Settore Giovanile: mi auguro infatti che coloro che hanno le potenzialità capiscano come l’umiltà ed il lavoro quotidiano sono le basi per permettere loro di raggiungere traguardi che ovviamente e giustamente un giovane sogna amando questo sport. Per il nostro livello economico noi investiamo una parte molto significativa del budget annuale per l’attività giovanile sia maschile che femminile. Come ho più volte detto, tutto ciò è l’applicazione di una visione strategica che io ed amici, Soci e Sponsor che da anni mi accompagnano in questa avventura, abbiamo alla base del nostro impegno sportivo. Con il nostro amico e Sponsor, Dott. Guido Repetto, stiamo lavorando per sviluppare con altre Società il progetto Novipiù Campus nato dalla sua passione e alla cui visione ci sentiamo legati”.

FacebookTwitterGoogle+Condividi