autobruciata2

Torna l’incubo del Piromane

CASALE – E’ di nuovo caccia al piromane in città. Dopo il grave episodio della notte di San Valentino, dove nell’arco di tre ore erano state date alle fiamme otto auto parcheggiate in strada e un cassonetto dell’immondizia, adesso sono tornati a colpire in via Cerrano, al Rotondino. Nella notte fra venerdì e sabato, verso l’una e quaranta, ignoti hanno dato alle fiamme una Peugeot 107, parcheggiata nello stallo dei disabili, e ad una trentina di metri una Hyundai Tucson. Distrutti entrambi i mezzi. Indagini in corso da parte dei carabinieri che stanno anche visionando i filmati delle telecamere di sorveglianza presenti in zona. La notte è stata squarciata da un gran botto, una sorta di esplosione, seguita dopo pochi minuti da un secondo botto. “La vicina di casa mi ha chiamato dicendomi che l’auto stava andando a fuoco – dice uno dei due proprietari dei mezzi distrutti dalle fiamme – mi sono scorto dalla finestra e ho visto il rogo, ho provato a spegnere l’incendio con la gomma dell’acqua, poi sono arrivati i pompieri, ma l’auto era distrutta. Un disastro, era nuova, dovevamo ancora finire di pagarla – sottolinea, con il volto segnato dalle lacrime – rovinati, ma ripartiremo”. Pochi metri più indietro sull’asfalto della strada a senso unico che costeggia il Canale Lanza, nelle vicinanze dell’oratorio del Ronzone, ci sono i segni del rogo dell’altra auto, già rimossa. “Abbiamo sentito un gran boato, poi le fiamme che si sono alzate anche a cinque-sei metri, e il rogo ha anche ghermito una pianta di pero che si trovava nel cortile a fianco – prosegue un vicino di casa – per fortuna che i vigili del fuoco hanno spento i due roghi, se le fiamme avessero raggiunto i serbatoi sarebbe stato ancora peggio”. L’intervento dei pompieri ha messo in salvo una terza auto che era parcheggiata fra le due devastate dal rogo. Subito sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile alla ricerca di indicazioni per risalire ai piromani. Da prime indicazioni si tratterebbe di auto prese a caso, senza nessun riferimento ai proprietari. Come era successo la notte di San Valentino con il rogo di due mezzi in via Vigliani, nelle vicinanze di piazza San Francesco, danneggiando gravemente una agenzia immobiliare e il portone d’ingresso e la facciata di un palazzo. E poi in via Matteotti e in via Morra. I danni allora si aggirarono sui 100 mila euro. Anche in quel le auto scelte dal piromane furono prese a caso, senza nessun riferimento ai proprietari. Già disposto un potenziamento dei controlli serali e notturni per prevenire altri eventuali episodi. Sul sito del nostro giornale il video del rogo.

FacebookTwitterGoogle+Condividi