Auto incendiate

Caccia al piromane di San Valentino

CASALE – E’ caccia al piromane, o ai piromani, dopo la notte di fuoco della scorsa settimana in città. Nell’arco di tre ore sono state date alle fiamme otto auto parcheggiate in strada e un cassonetto dell’immondizia.
Il rogo di due mezzi in via Vigliani, nelle vicinanze di piazza San Francesco, ha anche danneggiato gravemente una agenzia immobiliare e il portone d’ingresso e la facciata di un palazzo. I danni si possono quantificare intorno ai 100 mila euro. Un raid devastante. I carabinieri, che si occupano dell’indagine, stanno ricostruendo il percorso di fuoco alla ricerca di indizi utili per risalire ai colpevoli.
Una striscia di devastazione che è partita poco dopo le 2 da via Matteotti per poi spostarsi in pieno centro, dove nell’arco di un centinaio di metri sono state date alle fiamme quattro auto. Ed è proprio in questi passaggi che potrebbero esserci indizi utili. La zona vede la presenza di diverse banche dotate di sistema di videosorveglianza e le riprese potrebbero fornire indicazioni importanti per le indagini. E poi c’è il percorso fino a via Morra, dove sono state date alle fiamme altre auto, con la possibilità di avere altri spunti. Da prime indiscrezioni sembrerebbe che le auto scelte dal piromane siano state prese a caso, senza nessun riferimento ai proprietari.
Un pazzo, un ubriaco, una persona delusa nella notte degli innamorati di San Valentino, o un malato sono le ipotesi che ieri si sono fatte in città. La notizia del raid di fuoco ha lasciato il segno nella comunità monferrina. “Poteva toccare anche alla mia macchina –  dice un casalese che abita in centro – come si fa a stare tranquilli?”. Le forze dell’ordine hanno subito potenziato i controlli serali e notturni per prevenire situazioni come quelle dell’altra notte.

FacebookTwitterGoogle+Condividi